.
Annunci online

isterika
 
 


Blog a cui collaboro



Scrivere perché...
è la mia più grande passione;
è sempre possibile raccontare qualcosa che non sia ancora stato raccontato;
mi permette di sfogarmi quando sono
ISTERIKA!!

POLITICA
8 febbraio 2009
Una rivalsa politica


Nel 2004 un quarantasettenne di Sanluri diventa il presidente della Regione Sardegna e per oltre 4 anni porta avanti un progetto autonomista a livello economico e progressista e livello sociale.
Sono stati ridotti gli sprechi: le auto blu sono passate da 750 a 50 unità, le spese per le consulenze sono state tagliate del 70% e le spese per la gestione amministrativa sono calate del 21%.
L'Unione europea ha nominato la Sardegna “Autorità unica di gestione” all'interno di un programma finalizzato a promuovere la cooperazione e gestire le risorse della Comunità Europea per i Paesi del Mediterraneo.
Delibere, bandi e gare regionali sono stati resi fruibili on-line, a disposizione di tutti coloro che vogliono essere informati sulle attività dell'Amministrazione, mentre la banda larga si diffonde su tutto il territorio.
Sono stati raddoppiati gli investimenti in tecnologie e strutture ospedaliere e il bilancio sanitario è stato interamente risanato.
I sardi non-autosufficienti assistiti a domicilio sono passati da 3.000 a 20.000 e sono stati stanziati degli aiuti per le famiglie più numerose o disagiate.
Sono stati concessi finanziamenti per asili nido, scuole, università e considerevoli borse di studio, anche per esperienze all'estero.
Sono stati garantiti contributi per gli affitti e la ristrutturazione di edifici nei centri storici, e la Regione ha contribuito a pagare i mutui sulla prima casa per giovani e famiglie indigenti.
La base di Santo Stefano e l'arcipelago della Maddalena sono stati liberati dalla presenza militare e dai diversi sommergibili nucleari che circondavano la zona.
La Regione ha deciso di investire nel malandato trasporto pubblico, e mentre sono già stati acquistati circa 750 nuovi autobus, si sta avviando un progetto per rinnovare la linea ferroviaria.
È stato
incentivato l'uso del solare termico e del fotovoltaico per famiglie, imprese ed enti pubblici e nel programma è previsto l'obiettivo, entro il 2013, di ricavare il 40% del fabbisogno energetico da fonti rinnovabili.
È stato stilato un Piano paesaggistico regionale finalizzato a coordinare i vari Comuni nel governo del territorio.
È stata data maggiore attenzione alla tutela dell'ambiente, in quanto bene comune da salvaguardare anche per le generazioni future, e la quota percentuale della raccolta differenziata dei rifiuti urbani ha superato il 30%.
Nonostante tutto, la Regione ha ridotto il di
savanzo del bilancio del 60% e grazie alla compartecipazione alle entrate la Sardegna otterrà 3 miliardi di euro ogni anno dallo Stato che, sottratte le spese per sanità e trasporti, diventeranno 1.800 milioni di euro annui di attivo utile per finanziare i suddetti progetti.

Consapevole di aver scritto un
post SPUDORATAMENTE DI PARTE, posso solo garantirvi di aver consultato parecchie fonti per poterlo scrivere: dai siti ufficiali, ai giornali on-line, ai blog...
Cosciente del fatto che Renato Soru non è né un santo né un eroe, mi sento comunque soddisfatta di poter rivotare un governatore di questo calibro alle elezioni dl 15-16 febbraio, peraltro prescindendo dal ricorrente rito del "votare per il male minore"...
sfoglia
gennaio        marzo
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Feed
blog letto 1 volte