.
Annunci online

isterika
 
 


Blog a cui collaboro



Scrivere perché...
è la mia più grande passione;
è sempre possibile raccontare qualcosa che non sia ancora stato raccontato;
mi permette di sfogarmi quando sono
ISTERIKA!!

SOCIETA'
19 marzo 2011
La dignità scende in piazza

Pubblicato su Camminando Scalzi il 15 febbraio 2011

Se non ora quando? È l’unica domanda che viene da porsi in un momento come questo. Ed è proprio per tale motivo che domenica 13 febbraio oltre 230 piazze italiane si sono riempite di donne e uomini uniti dal bisogno di rivendicare la dignità del genere femminile e dire basta a qualunque forma di discriminazione e sfruttamento.

Dire basta a una rappresentanza politica maledettamente sbilanciata a favore del mondo maschile, e dove il mondo femminile sembra troppo spesso rappresentato da ex igieniste dentali senza passione ed esperienza.

Dire basta a una rappresentazione maschilista e superficiale del genere femminile nei media, dove i culi vengono usati persino per pubblicizzare la marca di uno yogurt e una quinta di reggiseno trova più spazio dello sguardo fiero di una donna che ha qualcosa da raccontare.

Dire basta a un mondo del lavoro dove il tasso di occupazione femminile nel 2010 era uno dei più bassi fra i Paesi Ocse, e dove l’Italia precede solo il Messico e la Turchia. Le donne disoccupate superano il 50% e guadagnano mediamente il 20% in meno degli uomini, a parità di lavoro e posizione professionale. Un trend legato anche all’identificazione della figura femminile come unica responsabile del nucleo familiare, perché in Italia sembra che solo le donne maturino il desiderio di avere dei figli e solo le donne abbiano il dovere di crescerli sacrificando le proprie ambizioni professionali, come spiega “La mamma architetto” Daniela Scarpa su Camminando Scalzi il 13 febbraio.

Dire basta a quei 10 milioni e 485 mila casi di molestie sessuali sul posto di lavoro, risultanti da un’indagine indagine ISTAT pubblicata nel 2010, condotta su un campione di 24.388 donne di età tra i 14 e i 65 anni, da cui è risultato che il 51,8 per cento delle intervistate abbiano “subito nell’arco della loro vita ricatti sessuali sul lavoro o molestie in senso lato come pedinamento, esibizionismo, telefonate oscene, molestie verbali e fisiche”.

Dire basta a quel 31,9% di donne italiane che nel corso della loro vita sono state, almeno per una volta, vittime di violenza fisica o sessuale. (Dato ricavato da una indagine ISTAT del 2006, su un campione di 25 mila donne tra i 16 e i 70 anni intervistate su tutto il territorio nazionale).

Dire basta a chi continua a mettere in discussione i diritti duramente conquistati nel corso della storia, come ha fatto Giuliano Ferrara, che dopo essersi fatto promotore della campagna “No aborto” nel 2008, oggi accusa i sostenitori di queste manifestazioni di dissenso di essere giacobini, neo-puritani e moralisti.

Dire basta all’europarlamentare Iva Zanicchi e alle sue assurde dichiarazioni pseudo-cattoliche sul “Gesù proteggeva le prostitute e diceva ‘chi è senza peccato scagli la prima pietra’”, come se proteggere significasse pagare settemila euro a prestazione sessuale (anche se minorenne), regalare farfalline di Swarovski e offrire incarichi pubblici a persone di dubbia competenza politica.

Dire basta a tutto questo e a coloro che hanno visto nella manifestazione del 13 febbraio solo una rivolta contro il Presidente del Consiglio e i recenti scandali che lo hanno coinvolto, perché questo movimento va ben oltre Silvio Berlusconi e il suo harem di via Olgettina: la misera rappresentazione di un sistema che oggi non possiamo più fingere che non esista.
POLITICA
1 dicembre 2009
Collera da Berlucrazia


Il NO BERLUSCONI DAY. Perché? Per quale motivo si dovrebbe organizzare una manifestazione contro un unico soggetto politico?

Le proteste vengono solitamente mosse per contestare un disegno di legge, una guerra, o comunque una particolare circoscritta situazione. Ma stavolta è diverso... 
Per quale motivo? Esiste veramente qualcuno così miope e irragionevole da poter pensare che un'unica persona possa incarnare in sè stessa tutte le colpe che hanno generato gli innumerevoli problemi di questo Paese?

No, ma Berlusconi non è un politico qualunque. 
Le tanto apprezzate generalizzazioni che da sempre caratterizzano i politicanti italiani, senza distinzioni di schieramento, non hanno nulla a che vedere con un personaggio che non potrà mai essere accusato di essere “sceso in campo” per una semplice ambizione al potere o al lauto stipendio di tale “professione”.

Per Mr B. la politica ha da sempre rappresentato un semplice strumento, di comodo o di intralcio, a seconda delle questioni considerate. Il comodo di avere un amico come Craxi e una legge Mammì, e l'intralcio di non poter essere un evasore fiscale piduista e corruttore con la facoltà di eludere la Giustizia.

Per un soggetto che da sempre ha raffigurato l'anti-politica, “scendere in campo” ha semplicemente rappresentato un pretesto per modificare le regole del gioco adattandole al proprio interesse, ed è difficile pensare che chiunque altro in Italia avrebbe avuto la capacità di riuscirci.

Una manifestazione contro Silvio Berlusconi identificato come la perfetta incarnazione di tutti quei vizi, difetti e menomazioni che caratterizzano questa triste “italietta”, soprattutto di oggi. Per lui che rappresenta la personificazione di un sistema politico in continuo decadimento, cucito addosso al basso profilo di una figura che con la politica non ha mai avuto nulla da spartire.

Il NO B-DAY non è una contestazione contro una persona, ma contro la prassi politica che questa persona è riuscita ad amplificare, capace di sminuire qualunque argomentazione riducendola ai minimi termini. Cattivi contro buoni, comunisti persecutori contro miglior governo della storia.  Una figura capace di cancellare qualunque sfumatura di orgoglio ed onore per sovrapporvi una spudorata ed insolente salvaguardia del proprio interesse personale, sconfessando anche la più palese evidenza. Un uomo capace di imporre gli argomenti di dibattito politico e di abbassare i toni del confronto, tra slogan d'insulto ed inappropriate barzellette di pessimo gusto.

Il NO B-DAY perché il 37,4% dei votanti PDL del 2008 non rappresenta un'investitura divina, e la Piazza di sabato 5 dicembre sarà lì per ricordarlo. Perché urlare certe volte fa bene, anche quando i sordi continuano a non sentirti...
sfoglia
febbraio       
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Feed
blog letto 1 volte